Può l’Europa salvare le foreste senza uccidere posti di lavoro in Malesia?

L’imminente divieto dell’Unione Europea sulle importazioni legate alla deforestazione è stato salutato come un “gold standard” nella politica climatica: un passo significativo per proteggere le foreste del mondo, che aiutano a rimuovere dall’atmosfera i gas serra che uccidono il pianeta.

La legge impone ai commercianti di risalire alle origini di una varietà di prodotti da capogiro: dalla carne ai libri, al cioccolato e al carbone, al rossetto e alla pelle. Per l’Unione Europea, il mandato, che entrerà in vigore il prossimo anno, è una testimonianza del ruolo del blocco come leader globale sul cambiamento climatico.

La politica, tuttavia, è rimasta intrappolata in feroci correnti contrastanti su come affrontare i compromessi economici e politici richiesti dal cambiamento climatico in un mondo in cui il potere si sta spostando e le istituzioni internazionali si stanno fratturando.

I paesi in via di sviluppo hanno espresso indignazione, con Malesia e Indonesia tra i più espliciti. Insieme, le due nazioni forniscono l’85% dell’olio di palma mondiale, uno dei sette prodotti critici coperti dal divieto dell’Unione Europea. E sostengono che la legge mette a rischio le loro economie.

Ai loro occhi, i paesi ricchi e tecnologicamente avanzati – e le ex potenze coloniali – stanno ancora una volta dettando termini e cambiando le regole del commercio quando gli fa comodo. “Imperialismo normativo”, ha dichiarato il ministro dell’economia indonesiano.

Questa visione concorda con le lamentele dei paesi in via di sviluppo secondo cui l’ordine internazionale dominante trascura le loro preoccupazioni.

La disputa sull’olio di palma racchiude anche una tensione centrale nell’economia del cambiamento climatico: la tesi secondo cui le nazioni a basso e medio reddito sono costrette a sostenere il costo di rovinosi cambiamenti ambientali causati principalmente dalle nazioni più ricche del mondo.

“Non mettiamo in discussione la necessità di combattere la deforestazione”, ha affermato Nik Nazmi Nik Ahmad, ministro dell’Ambiente della Malesia. “Ma non è giusto che i paesi che hanno deforestato la propria terra per secoli, o che sono responsabili di gran parte della nostra deforestazione, possano imporci unilateralmente delle condizioni”.

Inoltre, molti funzionari governativi, rappresentanti dell’industria e agricoltori sostengono che le regole dell’Unione Europea sono in realtà una forma di protezionismo economico, un modo per proteggere gli agricoltori europei che coltivano colture di semi oleosi concorrenti come la colza o la soia.

La legge dell’Unione Europea, approvata lo scorso anno, vieta i prodotti che utilizzano olio di palma e altri prodotti come la gomma e il legno che provengono da terreni forestali convertiti all’agricoltura dopo il 2020.

Dimostrare la conformità potrebbe rivelarsi complesso e costoso per un gran numero di piccoli fornitori.

In Malesia e Indonesia, il primo ministro e il presidente hanno affermato che i mezzi di sussistenza dei loro cittadini sono minacciati. Insieme hanno promesso di combattere quelle che hanno definito “misure discriminatorie altamente dannose contro l’olio di palma”.

Le preoccupazioni sono state riprese dai sostenitori della lotta alla povertà e persino da alcuni ambientalisti.

“Molte persone rimarranno colte di sorpresa quando questa situazione entrerà in vigore il prossimo anno”, ha affermato Pamela Coke-Hamilton, direttrice esecutiva dell’International Trade Center, un’agenzia delle Nazioni Unite creata per aiutare i paesi poveri a creare ricchezza attraverso il commercio.

La maggior parte dei piccoli agricoltori non sa nemmeno dell’imminente divieto, per non parlare di come dimostrare la propria conformità, ha detto la signora Coke-Hamilton.

In una settimana di interviste con il New York Times nelle piantagioni dello stato malese di Sabah, sull’isola del Borneo, nessun piccolo agricoltore aveva sentito parlare delle regole sulla deforestazione.

«Verranno espulsi dal mercato», il che potrebbe danneggiare ulteriormente l’ambiente, ha detto la signora Coke-Hamilton. “Sappiamo che la deforestazione è legata alla povertà”.

Il capodanno cinese era una festa nazionale in Malesia, ma Awang Suang, 77 anni, era sveglio dall’alba, portando un motore rombante sulla schiena e facendo oscillare un tagliaerba a mano tra le palme da olio della sua piantagione.

“Piantagione” è un po’ grandioso per descrivere il piccolo appezzamento incolto di Membakut nel Sabah che il signor Awang coltiva per lo più da solo. I suoi possedimenti ammontano a 12 acri.

Coltiva palme da olio da più di 50 anni dopo essere passato dagli alberi della gomma. Le palme richiedono meno manodopera e producono raccolti più frequenti – circa ogni due settimane, tutto l’anno – fornendo un reddito più costante, ha spiegato.

Il lavoro nel caldo umido equatoriale del Borneo è estenuante. Per le palme alte, gli agricoltori come il signor Awang manovrano un palo estensibile con una falce all’estremità per tagliare i grappoli spinosi di 50 libbre fissati nella parte superiore del tronco. Quindi devono trasportare o trasportare i frutti caduti su una strada.

In un buon mese, ha detto il signor Awang, si possono coltivare circa otto tonnellate di frutta.

Più tardi, davanti a un dolce tè al latte in un soggiorno fiancheggiato da sei divani imbottiti in stile regale, il signor Awang ha spiegato che la maggior parte dei proprietari di immobili che conosceva coltivavano palme da olio. Molti integrano il proprio reddito, ad esempio, allevando capre, pescando, lavorando a contratto o svolgendo lavori governativi.

Negli ultimi decenni, l’appetito mondiale per il viscoso petrolio rosso è esploso. Circa la metà dei prodotti sugli scaffali dei supermercati contengono olio di palma.

La maggior parte proviene da multinazionali multimiliardarie, che hanno inghiottito miglia e miglia di terra.

In tutto il Sabah, le palme da olio si estendono a perdita d’occhio. Il paesaggio è pittoresco. Ma rispetto alla sfrenata diversità di una foresta pluviale, le colonne – come brigate di piumini verticali – possono diventare monotone come la musica di un ascensore.

I piccoli proprietari terrieri – definiti in Malesia come agricoltori che possiedono meno di 40 ettari, o quasi 100 acri – coltivano il 27% delle palme da olio del paese.

La corsa all’oro dell’olio di palma ha contribuito a ridurre la povertà rurale, a creare ricchezza grazie alle esportazioni e a creare posti di lavoro. Secondo il World Economic Forum, circa 4,5 milioni di persone in Malesia e Indonesia lavorano nel settore.

Per un certo periodo il petrolio venne addirittura promosso come ecologico, una “super-coltura”. Un ettaro può produrre da quattro a dieci volte più olio della stessa superficie coltivata a soia, colza o girasole.

Ma i benefici ambientali si ottengono solo se i terreni coltivati ​​esistenti vengono convertiti in palme da olio. Invece, i produttori hanno abbattuto o bruciato foreste pluviali e torbiere incontaminate per far posto ai raccolti. L’eliminazione di questi preziosi pozzi di carbonio ha rilasciato quantità titaniche di gas serra nell’atmosfera, scatenando una catastrofe ambientale.

Secondo il World Resources Institute, la Malesia ha perso quasi un quinto della sua foresta tropicale primaria tra il 2001 e il 2022. Gli habitat di migliaia di specie, tra cui oranghi, orsi del sole ed elefanti pigmei, furono distrutti, mettendo alcuni animali in pericolo di estinzione.

Organismi di vigilanza ambientale come il World Wildlife Fund e un’ampia gamma di operatori del settore e multinazionali si sono uniti nel 2004 per creare la Tavola rotonda sull’olio di palma sostenibile, un’organizzazione volontaria che stabilisce standard per ridurre le pratiche distruttive.

Ma i critici sostengono che, sebbene ci siano stati miglioramenti, gli accordi volontari da soli non potrebbero preservare e ripristinare le foreste del mondo. Un rapporto del Parlamento europeo ha concluso nel 2020 che l’auto-regolamentazione “dovrebbe essere solo complementare alle misure vincolanti”.

L’Unione Europea ha introdotto esattamente questo. Per garantire che qualsiasi prodotto venduto nei 27 paesi del blocco possa essere ricondotto alla fonte, la legislazione richiede che quasi tutti i produttori che coltivano olio di palma, caffè, cacao, bovini, soia, gomma e legno traccino i confini precisi del loro territorio. terreni agricoli per dimostrare che le materie prime non sono legate alla deforestazione.

Spetta agli esportatori dimostrare che le regole sono state rispettate in ogni punto della catena di approvvigionamento.

Per molti malesi, però, il mandato dell’Unione Europea riflette un profondo malinteso. Tracciare ogni grosso grappolo di frutta a forma di ghianda fino a una piccola azienda agricola in aree remote è molto più complicato di quanto i legislatori di Bruxelles si rendano conto, affermano i gruppi di piccoli proprietari.

I piccoli proprietari vendono principalmente a commercianti, rivenditori e collezionisti: strati su strati di intermediari che finiscono per mescolare insieme mazzi di frutti di olio di palma provenienti da centinaia di piantagioni.

Il tracciamento è ulteriormente complicato perché il rivenditore, diffidente nei confronti della concorrenza, “non vuole dire allo stabilimento da dove provengono tutti i suoi fornitori”, ha affermato Reza Azmi, direttore esecutivo di Wild Asia, un’organizzazione no-profit con sede in Malesia che lavora con i piccoli proprietari terrieri per migliorare pratiche ambientali.

I produttori e i commercianti indipendenti più piccoli potrebbero essere esclusi, ampliando la portata delle imprese agricole.

«Quello che sentiamo in Sabah», ha detto Azmi, «è che gli stabilimenti indipendenti stanno cercando di vendere alle grandi aziende perché non hanno risorse per garantire la conformità».

La difficoltà di rintracciare il petrolio fino alla fonte può essere intravista in una piccola stazione di raccolta a Gomantong, dove gli agricoltori vendono i loro raccolti giornalieri o settimanali di olio di palma.

A partire dalle 6 del mattino, dozzine di grandi camion provenienti dalle piantagioni, così come i pick-up dei piccoli proprietari, sono rotolati uno dopo l’altro su una grande bilancia a piattaforma prima di passare a scaricare i loro carichi su un’unica pila rigonfia.

Quando è arrivato il turno di Riduan Amil, è saltato sul pianale della sua Isuzu bianca, che può contenere circa una tonnellata di frutti di olio di palma. Sotto un sole cocente, usò una picca affilata per lanciare ogni grappolo sul miscuglio.

Alla fine della giornata si saranno accumulate circa 80 tonnellate di frutta. Il bottino viene quindi consegnato a un mulino.

Quando si tratta dei mandati dell’Unione Europea, i prodotti provenienti da una singola azienda agricola non certificata renderebbero l’intero lotto non idoneo per l’uso in qualsiasi esportazione verso il blocco, il terzo importatore mondiale di olio di palma.

Olivier Tichit, direttore della sostenibilità del gruppo indonesiano Musim Mas, una delle più grandi aziende integrate di olio di palma al mondo, ha affermato che il gruppo ha acquistato frutta da un milione di piccoli proprietari.

“Se uno non è conforme, bisogna escludere l’intero stabilimento”, ha detto, aggiungendo che la sua azienda “non correrà rischi”.

La Commissione europea, secondo un portavoce, “è impegnata a fornire tutto il sostegno necessario per garantire che i piccoli proprietari terrieri siano pienamente preparati al cambiamento delle regole”. Il blocco ha stanziato 110 milioni di euro per fornire supporto tecnico e finanziario.

Gli agricoltori con meno di 10 acri possono utilizzare uno smartphone per mappare la propria terra. “Le coordinate GPS possono essere generate facilmente e gratuitamente”, spiega un manuale dell’UE.

Ma i critici insistono sul fatto che mappare le aziende agricole e poi verificare i dati è molto più complesso, dispendioso in termini di tempo e denaro, per non parlare della mancanza di titoli fondiari documentati e di altre complicazioni.

In Malesia, funzionari governativi lamentano che la legge dell’Unione Europea ignora le norme sulle licenze e sulla deforestazione di cui il paese già dispone. Dal 1° gennaio 2020, tutti i coltivatori e le aziende devono essere certificati dal Malaysian Sustainable Palm Oil Board. Gli standard corrispondono a molti stabiliti dall’Unione Europea, sebbene non vi sia alcun requisito per la mappatura della geolocalizzazione.

Lo sforzo ha avuto un certo successo. Nel suo sondaggio annuale del 2022, il World Resources Institute ha rilevato che la Malesia è stato uno dei pochi luoghi in cui la deforestazione non è peggiorata.

Una nuova task force che comprende la Commissione europea e i ministri della Malesia e dell’Indonesia si sta incontrando per lavorare sull’attuazione delle norme sulla deforestazione. I funzionari malesi hanno chiesto alla commissione di accettare il sistema di certificazione del paese e di esentare i piccoli proprietari dalla legge.

Tuttavia, la percezione che le potenze europee stiano dettando legge ai propri governi irrita.

“Non si può imporre una legislazione e poi dire: ‘Vieni ad avere un dialogo’”, ha detto Belvinder Kaur Sron, direttore esecutivo del Malaysian Palm Oil Council, un’organizzazione commerciale.

C’è anche risentimento per il fatto che ai paesi ricchi sembri applicarsi un doppio standard.

“Ci viene detto di sostenere standard rigorosi”, sul libero scambio e sul clima, ha detto Nik Nazmi, ministro dell’Ambiente. Ma quando sono in gioco gli interessi delle regioni economicamente più potenti, le regole vengono allentate.

“Abbiamo la sensazione che le nostre voci non vengano ascoltate”.